I Grandi

I Fotografi importanti per la mia formazione all'immagine sono stati Robert Frank, Luigi Ghirri, Walker Evans, Henry Cartier Bresson, Joel Meyerowitz, William Eggleston: insomma i classici per gente di cinquant'anni come me. Aggiungo però qualche nome di autori magari meno conosciuti le cui fotografie mi hanno fatto bene in tempi più recenti. Evidentemente i nomi che per me hanno rappresentato una scoperta per altri saranno visti e rivisti o non piaceranno affatto, ma tutto questo rientra nel gusto personale.

Ara Guler e il bianco e nero antico e pieno di dignità dei suoi soggetti,  Harry Gruyaert e i suoi colori pieni,  Sergio Larrain e la visione moderna delle forme,  Saul Leiter (che da poco ci ha lasciato) e una tavolozza più sfumata e imprevedibile,  Nikos Economopoulos e il suo reportage classico in geometrie ardite,  Olivia Arthur e le sue testimonianze misurate e precise. E Sarah Moon: la scoperta di fotografie che vanno contro tutti i classici comandamenti (come evitare il mosso, non scattare doppie esposizioni, ricercare le ottiche più performanti) e che rivelano una bellezza strabordante, assoluta, che trasportano verso un nuovo modo di rappresentazione del reale, che così sconfina verso altro.

Quanta capacità di vedere in questi autori!